Virtualbox: un PC virtuale su Ubuntu in 10 semplici passaggi

Questo articolo è stato definitivamente spostato sul mio nuovo blog, lo puoi trovare al link:

Virtualbox: un PC virtuale su Ubuntu in 10 semplici passaggi — viklog

Mi dispiace se ho arrecato disagio a qualcuno.

12 Responses to “Virtualbox: un PC virtuale su Ubuntu in 10 semplici passaggi”


  1. 1 deviantdark mercoledì, 6 febbraio, 2008 alle 14:07

    Ottimo.
    Io ho usato sempre e solo VMware, ma in molti sostengono che VirtualBox sia un ottimo strumento, pure superiore a VMware.
    Lo terrò presente quando vorrò emulare un Sistema Operativo.

    Un piccolo appunto grafico: lo stile Vistaish del tuo Ubuntu è.. come dire… argh!
    Sed de gustibus…😛

  2. 2 Blackstorm giovedì, 7 febbraio, 2008 alle 10:39

    VirtualBox ha il grande pregio di consentire l’allocazione di ram per la VM anche con 512 mega di ram. Cosa che su Vista con VirtualPC non è possibile, e con VMWare non saprei… Inoltre come processo in sè è decisamente leggero.

  3. 3 ViK venerdì, 8 febbraio, 2008 alle 0:13

    @deviantdark
    Dopo poche prove posso affermare con certezza che Virtualbox è 1 spanna sopra VMware come prestazioni.
    Per il tema… beh, a me non dispiace. Mi piacciono i temi neri, hai qualche suggerimento?

    @Blacksotrm
    In realtà non ho provato Virtualbox in ambiente Windows (VirtualPC è una merda).

  4. 4 deviantdark sabato, 9 febbraio, 2008 alle 15:44

    Piccola nota per chi utilizza Feisty:
    Questa procedura descritta nell’articolo non va bene.
    Bisogna infatti aggiungere i repo alla sources.list in questo modo:

    sudo gedit /etc/apt/sources.list

    E aggiungere alla fine del documento:

    ## Virtualbox
    deb http://www.virtualbox.org/debian feisty non-free

    Fatto questo, scarichiamo e autentichiamo la chiave con:

    wget http://www.virtualbox.org/debian/innotek.asc
    sudo apt-key add innotek.asc

    Poi aggiorniamo la lista:

    sudo apt-get update

    E installiamo il programma:

    sudo apt-get install virtualbox

    Al primo avvio si verificherà molto probabilmente un errore. Diamo quindi il comando:

    sudo /etc/init.d/vboxdrv setup

    Tutto dovrebbe procedere regolarmente.

    A bientot🙂

  5. 5 deviantdark sabato, 9 febbraio, 2008 alle 15:47

    Ah, p.s. [non avevo letto la tua risposta al mio primo commento]:

    Non ho assolutamente niente contro i temi scuri, sono uno dei primi ad utilizzarli con estremo godimento.
    È solo che preferisco dei temi non “ported” da altri Sistemi Operativi… Su Ubuntu preferisco un’interfaccia grafica sì personalizzata, ma che non scimmiotti quella MacOS-Style o Windows-Style…
    Ma, come scrivevo prima… de gustibus🙂

  6. 6 deviantdark sabato, 9 febbraio, 2008 alle 15:50

    ri-p.s.:
    Non ho notato il link alla guida per Feisty di DaniRevi… mo c’è scritta la procedura pure nei commenti😀
    Sorry…

  7. 7 ViK domenica, 10 febbraio, 2008 alle 21:19

    @deviantdark
    Vabbè… ora la guida è doppiamente completa per chi ha Ubuntu 7.04🙂
    [Off-topic]
    Il fatto del tema Vista-like è che non riuscivo proprio a trovare un tema nero decente.

  8. 8 deviantdark lunedì, 11 febbraio, 2008 alle 8:34

    Ah coi temi neri anche io ho tribolato molto.
    Però ho risolto tutti i miei problemi di visibilità con una piccola applicazione.
    Ti linko la versione pacchettizzata in .deb, che pure se molto vecchia svolge egregiamente il suo lavoro [le versioni più recenti vanno compilate e non danno chissà quali cose in più].
    Eccoti il link: Gnome Color Chooser.

    Con questo tool, che una volta installato è avviabile da Sistema > Preferenze, è possibile modificare i colori dei pannelli, delle finestre, dei messaggi, dei menu, ecc…
    Insomma, c’è da sbizzarrirsi…
    Avevo intenzione di scriverci un post… ma poi son dovuto partire e non ho avuto ancora tempo😛

    Fammi sapere se hai qualche dubbio rispetto all’uso dell’applicazione.
    Ciao.

  9. 9 ViK lunedì, 11 febbraio, 2008 alle 10:01

    L’ho provato subito… C’è da diventarci pazzi!!!

  10. 10 Daniele Salamina giovedì, 21 febbraio, 2008 alle 9:36

    Ottima guida… volevo provare VirtualBox ed eventualmente fare qualcosa del genere… Se ti va ripropongo la guida da me😉

  11. 11 ViK giovedì, 21 febbraio, 2008 alle 10:33

    No problem. Tanto è tutto rilasciato sotto licenza by-nc-sa


  1. 1 La settimana in link #4 « Nicopi Trackback su domenica, 10 febbraio, 2008 alle 14:06
Comments are currently closed.



Questo blog si traferisce…

Divide by zero si sta piano piano trasferendo sul mio nuovo blog: viklog.net
Cosa aspetti a farci un salto?

Licenza

Creative Commons License Questo blog è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: