Wubi: provato e disinstallato

Dopo aver letto di Wubi sul blog di Daniele sono stato mosso da una forte curiosità: ho voluto provarlo sul fisso. Per chi non sapesse di cosa si tratta si vada a leggere l’articolo di Daniele.

Subito mi ha colpito il fatto che l’installazione di Ubuntu con questo tool richiede la stessa difficoltà dovuta per togliere il tappo a una penna bic. Non c’è nemmeno il bisogno di scaricare la ISO: anche a questo ci pensa Wubi.

download della ISO di Feisty Fawn

La seconda cosa che mi ha stupito è che l’istallazione ha richiesto appena 20 minuti. Ancora meno dell’installazione da live cd. Ho testato Feisty Fawn perché l’istaller di Gutsy Gibbon è ancora in alpha test.

Però dopo appena 2 minuti di utilizzo percepisco una forte perdita di prestazioni. Aprire Firefox richiedeva qualche minuto di attesa. Installo Deluge e aMNS. Al riavvio successivo, dopo il login, mi ritrovo il mouse muoversi nel nulla: sfondo del desktop e niente altro.

disistallato

Disinstallato. Peccato, davvero. Attendo comunque con curiosità il rilascio della versione stabile.

– Warning: Divide by zero.

Technorati tag: , , ,

4 Responses to “Wubi: provato e disinstallato”


  1. 1 Daniele Salamina mercoledì, 23 gennaio, 2008 alle 12:22

    Strano… non hai indagato sul problema ?

  2. 2 ViK giovedì, 24 gennaio, 2008 alle 11:34

    [Scusa ma il tuo commento era finito nello spam]
    Sinceramente no…
    L’unica cosa che mi viene in mente è che creare un file system “finto” all’interno di un altro NTFS non potrà mai avere le stesse prestazioni di un vero file system ext2 o ext3 o simili. Se aggiungiamo a questo il fatto che il mio HD sul fisso è vecchiotto..
    Per quanto riguarda il crash c’è da considerare che è ancora una release instabile e non supporta appieno aggiornamenti del sistema, magari l’aver installato i pacchetti elencati nel post ha causato un problema agli indici del FS. Ovviamente questa è solo un ipotesi.

  3. 3 Daniele giovedì, 24 gennaio, 2008 alle 18:28

    Hai ragione sulle prestazioni… ma ci sono dei metodi per ottimizzarle😉

  4. 4 ViK giovedì, 24 gennaio, 2008 alle 21:01

    Certo, ma per ora preferisco non consigliare Wubi e continuare con l’istallazione di Ubuntu classica. Magari sarò presto smentito. Lo spero anche io.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Questo blog si traferisce…

Divide by zero si sta piano piano trasferendo sul mio nuovo blog: viklog.net
Cosa aspetti a farci un salto?

Licenza

Creative Commons License Questo blog è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: