Fahrenheit 451

Si dice che una volta il lavoro dei pompieri fosse quello di spegnere gli incendi, non di accenderli. Che assurdità! Le case sono sempre state ricoperte di materiale ignifugo.

Fahrenheit 451 Oscar Mondadori

Guy Montag di lavoro fa il pompiere, o meglio, il Milite del fuco. Quelli come lui hanno il semplice, quanto importante, compito di bruciare i libri. Nella caserma è appesa una lunga lista con tutta la letteratura fuori legge. Il peccato commesso da questi libri? La cultura ti rende diverso da chi il libro non l’ha letto, ti rende superiore, spezzando così il delicato equilibrio, la pace che si sono andati a formare nella società. Lo scopo di questa società è, dunque, quella di rendere tutti uguali, in modo tale che nessuno possa dire la sua, nessuno abbia una propria opinione (ricorda molto il motto di 1984 “l’ignoranza è forza”). C’è un popolo più semplice da governare di così? Un giorno, però Montang incontra una strana fanciulla di nome Clarisse, la quale, in un modo o nell’altro, lo costringe a guardarsi intorno finchè non gli chiede: “tu sei felice?”. Lui ne rimane quasi sconvolto. Da qui nasce la fuga di Montang da se stesso, o meglio, verso se stesso.

Il libro è bellissimo, si legge con una facilità impressionante e sopratutto impressiona. Infatti le armi usate per cancellare l’io delle persone le possiamo vedere già in atto: la fretta e la superficialità, ovvero la morte del dialogo; la tv e i falsi miti, ovvero la morte della possibilità di avere certezze nella vita. Il messaggio di Ray Bradbury è semplice: se vi tolgono la tradizione (ovvero il passato) non avrete mai un presente, e tanto meno un futuro.

Dunque Fahrenheit 451 è fortemente consigliato come lettura estiva! Come al solito vi rimando alla pagina di wikipedia (EN) sul libro in questione, e su webster.it nel caso vi interessi l’acquisto (cavolo, il prezzo di copertina è di 7.80 €).

3 Responses to “Fahrenheit 451”


  1. 1 Blackstorm venerdì, 3 agosto, 2007 alle 15:05

    Bellissimo. Consiglio anche iil film, che, sebbene piuttosto diverso, rende con un impatto visivo notevole (per essere un film del ’60, mi pare) una società di persone soggiogate alla tv. Un bellissimo libro… in alcune edizioni si può trovare in versione double face, come ce l’ho io: la prima metà è Farenheit 451, l’altra metà, capovolgendo il libro e ricominciando dall'”ultima” pagina, è Cronache Marziane. Notevole anche quello, una lettura che deve essere un must per ogni appassionato di fantascienza. Farenheit invece, dovrebbe essere un must per chiunque…🙂


  1. 1 Trilogia della Fondazione di Isaac Asimov « Divide by zero Trackback su mercoledì, 9 gennaio, 2008 alle 17:59
  2. 2 Trilogia della Fondazione di Isaac Asimov | viklog Trackback su giovedì, 4 marzo, 2010 alle 23:21

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Questo blog si traferisce…

Divide by zero si sta piano piano trasferendo sul mio nuovo blog: viklog.net
Cosa aspetti a farci un salto?

Licenza

Creative Commons License Questo blog è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: